Regime patrimoniale dei coniugi

Il regime patrimoniale determina la regolamentazione giuridica degli acquisti effettuati dai coniugi durante il rapporto matrimoniale.
 
I coniugi possono scegliere di regolare i loro rapporti patrimoniali utilizzando o il regime della comunione dei beni oppure della separazione dei beni dichiarandolo nelle sedi preposte a raccogliere tale volontà:
  • in sede di celebrazione delle nozze, rendendo apposita dichiarazione al celebrante (Ufficiale di Stato Civile, Parroco o altro Ministro del Culto) senza spese o particolari formalità;
  • successivamente alle nozze  tramite atto notarile che verrà poi annotato sull’atto di matrimonio (art. 162, c.c.).
N.B.:Qualsiasi  cambiamento del regime patrimoniale, successivo alle nozze può essere fatta solo tramite atto notarile che verrà poi  trasmesso all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di celebrazione del matrimonio, ai fini dell'annotazione sull'atto di matrimonio. Infatti solo dalla data di annotazione si producono gli effetti rispetto a soggetti terzi.
 
L'annotazione della scelta del regime patrimoniale tra i coniugi è riportata sull'estratto riassunto dell'atto di matrimonio.


Data pubblicazione: 03/09/2012
.
Documentazione allegata
Nessun documento disponibile.
Contenuti correlati
Nessun articolo disponibile.